Competenze genitoriali

 targhetta-genitori

                                                                         www.idettagli.it
Può’ sembrare un contrasto parlare di competenze genitoriali, perche’ le competenze richiamano  ad altri contesti, di tipo formativo e professionale. Ma se fare i genitori è un lavoro, acquisire le competenze è necessario come per qualsiasi altro mestiere e di questo, i genitori di oggi, sono sempre più consapevoli. La funzione genitoriale non riguarda più esclusivamente l’allevamento dei figli ma coinvolge abilità molto più complesse che comportano capacità specifiche che la coppia genitoriale  apprende nel tempo. Queste abilità riguardano l’educazione, la formazione e in generale, lo sviluppo del bambino. Ciascun genitore è portato a pensare di possedere naturalmente le capacità necessarie a crescere il proprio figlio e spesso non riconosce il bisogno di imparare nuove abilità.Ma, alla luce dei cambiamenti sociali e famigliari, si stanno aprendo nuovi scenari che mettono in crisi il vecchio orientamento a favore di un atteggiamento più critico e aperto a nuove possibilità.

“Lo sappiamo tutti che l’età dello sviluppo è la più importante di tutta la vita: una denutrizione morale, un’intossicazione dello spirito in quel tempo sono altrettanto fatali per l’uomo, quanto la denutrizione delle membra per la salute futura del corpo. Perciò l’educazione infantile è il problema più importante dell’umanità”. (M. Montessori  – Il bambino in famiglia).

Questa forte responsabilità, già avvertita in M. Montessori, deve essere maturata e trasmessa alle nuove generazioni perché, continua la Montessori  “…l’educazione moderna, che osserva il bambino assai prima di arrischiarsi a volerlo educare, deve finalmente penetrare anche nella famiglia e crearvi, oltre che un nuovo bambino, nuovi padri e nuove madri.”

Nuovi padri e nuove madri: il valore di questa affermazione porta con se tutta la sua efficacia pedagogica… è da questa affermazione che dobbiamo iniziare, non solo perché rappresenta un’occasione di riflessione ma perché apre nuove prospettive, allarga le possibilità e le potenzialità dell’educazione, non più intesa in senso stretto come educazione dei figli, ma come educazione in senso lato, di noi stessi come genitori, educatori, insegnanti, tutti attori protagonisti nella creazione delle generazioni future.

Non esistono tecniche o metodi infallibili, ma solo voglia di imparare, crescere, conoscere, sapere… per il bene dei nostri figli. Affinché queste riflessioni non restino solo dei pensieri o dialoghi tra “addetti ai lavori”, mi piace pensare di poter offrire indicazioni pratiche che possano accompagnare il genitore durante il suo percorso. In questo, la pedagogia è una disciplina che può fornire un valido supporto, e rappresentare un riferimento ed una risorsa adeguata e autorevole.

Consapevole che i genitori si trovano spesso in difficoltà di ordine pratico, è utile iniziare da semplici esercizi mentali, che possano aiutare a dare risposte altrettanto pratiche, utili, funzionali. Rispetto un’azione educativa, ciascuno di noi deve partire dalla capacità di misurare le proprie potenzialita’ e i propri limiti…seguono altre abilità, ma intendo congedarmi lasciando spazio a tre semplici indicazioni:

1 – pensare ciò che è bene per se stessi

2 – pensare a ciò che è bene per il bambino

3 – provare a pensare… come un bambino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...